Prosa

Più bella cosa…

Al mattino, quando arriviamo in spiaggia, io e la mia amica andiamo a prendere un caffè nel bar con il pergolato di frasche, dal quale si intravede il mare. Attimo di godimento per il palato, per la vista e per lo spirito.
Ma…..c’è un ma!
I gestori del bar usano mettere un sottofondo musicale, discreto e abbastanza piacevole.
Fin qua nulla di strano.
Ma il fatto singolare è che noi arriviamo sempre quando nella playlist c’è una vecchia canzone di Eros Ramazzotti.
Una melodia non sgradevole però….alla terza volta ci guardiamo negli occhi e dopo una piccola pausa…” Ma a te piace la voce di Eros???”😳😳
“Beh è un po’ nasale….è bravo però….si….ma….” 😳
All’unisono “È sgnanfo*!!!!” 😳
Risata soffocata! 😂😂😂
Tuttavia , come capita, ci siamo affezionate al rito e ormai noi diciamo che andiamo a prendere il caffè con il nostro caro sgnanfo!
E a volte siamo talmente prese che un giorno, mentre andavo a pagare sovrappensiero, mi sono trattenuta dal dire “Pago uno “sgnanfo” 😳

Dopo alcuni giorni, sempre pensando a lui, è ritornato alla mente un episodio di quando insegnavo.

Fine anni “90, a scuola stiamo organizzando la festa da ballo di fine anno scolastico per i ragazzi delle classi terze.
Tutto il personale della scuola, insegnanti, segretari, ausiliari, sono impegnati nell’allestimento della palestra ( stile discoteca), nel cercare un DJ, nel preparare inviti ecc.
I ragazzi sono logicamente elettrizzati.
In quei giorni un mio alunno mi fa una confidenza. Lui me lo ricordo bene, alto, capelli neri e ricciolino, un ragazzo molto sensibile.
“Prof mi sono innamorato di P. e alla festa le vorrei dedicare la canzone di Eros Ramazzotti”
Sorrido intenerita, ne parliamo un po’ e gli manifesto il mio apprezzamento per il suo sentimento e la sua iniziativa, “ma quale canzone?”
“Più bella cosa, prof”
“ Ah ok, chiederò al Dj, ma bisogna decidere in quale momento della festa fare la dedica, per non metterla a disagio, che dici?”
Per farla breve decidiamo verso la fine.
Arriva il giorno fatidico.
I ragazzi e le ragazze arrivano tutti in tiro ed emozionati….. bellissimi 😊
Anche noi siamo emozionati nel vederli cosi!
Anche i più ribelli e problematici sembrano i fidanzatini di Peynet ( mannaggia loro 😄).
Inizia la festa con tutti ( preside, insegnanti, segretari, ecc).
All’inizio, come al solito, i ragazzi sono un po’ imbarazzati e non ballano, poi quando vedono gli insegnanti lanciarsi nelle danze senza remore, anche loro si lasciano andare ed inizia la vera festa.
Evvaiiii!

Ad un certo punto il mio allievo mi cerca con gli occhi ansiosi….ah si la canzone, la dedica,acc!
Indosso la mia tutina da superprof, così si tranquillizza, ed organizzo il tutto.
Faccio io la dedica e lui è lì, con gli occhi da Bambi, emozionato davanti al microfono.
Il DJ mette la canzone e dalla gola del ragazzo esce…..una vocina flebile flebile e tremula mentre il suo sguardo mi fissa perso!
È un attimo, guizzo accanto a lui ( superprof è veloce!) e inizio cantare a squarciagola.
Subito arrivano in aiuto gli altri colleghi superprof e assieme a lui, che ha ritrovato il suo coraggio e la sua grinta, cantiamo con passione “Più bella cosa non c’è, più bella cosa di te, unica come sei, immensa quando vuoi, grazie di esistereeeeeee.”

…… 😊

Il ricordo è vivido e mi mette sempre allegria.
Mentre cantavamo, noi insegnanti ci guardavamo ridendo con un velo di emozione negli occhi e pensavamo ( e lo penso ancora):
“ Ragazzi…..grazie a voi di esistere!” 😊

*sgnanfo: termine veneto, uno che ha la voce nasale (ma molto nasale 😂😂😂 )

 

Rating: 1.0/1. From 4 votes.
Please wait...

One Reply to “Più bella cosa…

Lascia un commento